Guardare al di fuori la vita degli altri è un ottimo esercizio per cambiare la vostra forma mentis.

Affacciatami sulla vita di molte persone che conosco mi ritrovo a guardare le loro giornate scorrere,  avulse da ritmi di lavoro frenetici e incessanti, necessità degli amici, continue richieste dei colleghi da soddisfare e problemi familiari da risolvere.

Perché non fermarsi un attimo e pensare che si è talmente intrappolati dai loro bisogni tanto da ignorare le vostre necessità?

Non bisogna lasciare che gli altri utilizzino il vostro tempo facendo scivolare le vostre esigenze in fondo alla lista!

Provate a chiedervi quali sono le richieste alle quali non sapete realmente dire di no e se la risposte è:  ”non accade mai” questo vuol dire che avvertite il bisogno di sentirvi indispensabili o nel peggiore dei casi vi sentite assaliti da un senso di colpa.

Ma sentirsi in colpa verso se stessi non è peggio che sentirsi in colpa verso gli altri?

Quando ci si adatta ad un modello che piace solo a chi ci sta intorno,  si finisce per cambiare perché lo desiderano gli altri ma serve  a regalarvi quel senso di felice e appagamento di cui avete bisogno??

Fissate più incontri con voi stessi come se fossero  una sorta di appuntamenti.Fate una corsa al parco, trovate il tempo per una passeggiata, trascorrete un’ ora in sano relax e se proprio qualcuno vi richiede in quel momento fate presente che siete già impegnati senza dare troppe giustificazioni:è un impegno preso con voi stessi e dovete esser presenti.

E se questo sano egoismo comincia a incuriosirvi: comincia a conoscere il tuo nuovo “io”.

-Ti piaci? Quasi quasi rispondo di si!